Le esperienze più particolari da vivere in armonia con la natura

0
94

Il 5 giugno sarà la Giornata Mondiale dell’Ambiente (World Environment Day), il più grande evento delle Nazione Unite che nasce con l’intento di promuovere un comportamento positivo nei confronti del pianeta. Il focus di quest’anno è la sostenibilità e l’armonia con la natura e quale miglior modo di celebrare questo giorno di un’escursione nei boschi in mezzo al verde e lontani dal chiasso delle città?

La startup Meeters, in occasione della giornata, propone una vasta gamma di attività a contatto con la natura: esperienze inusuali che vanno dall’atipico bagno di foresta tratto dalla tradizione giapponese, allo yoga fino alle passeggiate rilassanti che comprendono anche viste panoramiche mozzafiato. Eccone alcune

Bagno di Bosco: Shinrin-Yoku al Parco dei Lagoni di Mercurago 

Un’antica pratica giapponese che rinforza il sistema immunitario e riduce la produzione di ormoni dello stress donando così benessere grazie alle proprietà terapeutiche dei fitoterpeni emessi dagli alberi.
Questa esperienza oltre a donare questi benefici, è un invito ad attivare la presenza consapevole entrando nel Bosco perché “La Natura non è un posto da visitare ma è casa nostra” (G. Snyder). Quindi è importante rispettarla ed essere in grado di apprezzare quello che ha da offrirci.

I Sentieri di Lumignano: Tra la Natura Incontrastata dei Colli Berici 

Questo itinerario seguirà un percorso attraverso il bosco, contraddistinto da grotte e covoli. Questi ultimi, tipici anfratti scavati lungo le imponenti scogliere rocciose, sono stati ripari per uomini preistorici – alcuni reperti risalgono all’Uomo di Neanderthal – e successivamente eremi medievali.
Un esempio perfetto di come la natura può tendere una mano all’uomo per aiutarlo.

Trekking con Vista dal Lago Calamone al Monte Ventasso

Un coinvolgente trekking panoramico che percorre il contorno del magnifico Lago Calamone, noto anche come Lago del Ventasso in quanto ubicato sul versante nord occidentale dell’omonimo monte. Di origine glaciale, il bacino è il maggiore per dimensioni nella Provincia di Reggio Emilia. Nel percorso i partecipanti affronteranno il Monte Ventasso, la salita più panoramica nell’Appennino Reggiano dove sarà possibile ammirare la magica atmosfera evocata dai variopinti elementi naturali.

Fonte: comunicato stampa