Make something week: le alternative di Greenpeace per Natale

I volontari del gruppo locale di Greenpeace di Roma organizzeranno nella capitale, il domenica 2 dicembre 2018 presso il Latte Creative Coworking in Via di Monte Testaccio 34A in collaborazione con il gruppo di Surfrider Foundation Europe di Roma, un evento a tema autoproduzione e riuso dalle 10:30 alle 18:30. Sarà una giornata gratuita di laboratori pratici ed incontri con diverse realtà ed associazioni per imparare a realizzare da sé in alternativa all’acquisto: dai cosmetici alle borse, dalle lampade da scrivania ai giocattoli in legno, dalle decorazioni natalizie al detersivo e tanto altro. Sarà inoltre possibile portare giocattoli per bambini e libri per scambiarli con quelli presenti nell’area dedicata.

Questa iniziativa si inserisce nell’ambito della seconda edizione di Make Something Week, una settimana di eventi-laboratorio gratuiti promossa da Greenpeace in tutto il mondo dal 23 novembre al 2 dicembre dove, guidati da creativi e professionisti del settore, i partecipanti impareranno a riparare, riciclare, riutilizzare e dare nuova vita ad oggetti inutilizzati e destinati ad essere gettati via, tramite il fai-da-te e l’autoproduzione. Quest’anno tantissimi gli eventi organizzati in tutta Italia, da Roma a Milano, Torino, Napoli, Palermo, solo per citarne alcune.
Make Something Week si propone di sfidare il modello irrazionale di consumo e superare la cultura dell’usa e getta in occasione del Black Friday e a ridosso delle festività natalizie e di fine anno, quando più che mai le persone sono spinte all’acquisto di oggetti che spesso restano inutilizzati o gettati via, producendo rifiuti e inquinamento.

“Siamo stati indotti a pensare che la felicità provenga da ciò che compriamo, mentre sappiamo che la vera felicità viene da ciò che riusciamo a creare“ dichiara Giorgia Monti, responsabile della Make Something Week in Italia. “Con questa settimana di eventi vogliamo far riscoprire alle persone la bellezza di creare insieme e dare nuova vita a quello che già abbiamo, superando lo shopping tradizionale.”

Grazie al lavoro dei tantissimi artisti coinvolti, quest’anno in Italia l’iniziativa vuole lanciare una sfida all’uso della plastica monouso, promuovendo tra le persone la condivisione di soluzioni e alternative creative all’uso smodato di plastica monouso.

“La lotta contro la plastica è una componente essenziale della nostra associazione” dichiara Julia Pierraccini, responsabile del gruppo di Surfrider Foundation Europe di Roma. “Tra le altre cose, organizziamo pulizie di spiagge e svolgiamo attività di educazione ambientale per far sì che sempre più persone si rendano conto dell’impatto che questo materiale può avere sui mari e sugli oceani, anche su aree molto vaste, e che la plastica rappresenta attualmente una delle maggiori cause di danni ambientali. Siamo molto contenti di partecipare al progetto della Make Something Week e proporre, insieme a Greenpeace, delle alternative alla plastica monouso. Ora è tempo di agire!”.

Qui il programma completo di domenica 2 dicembre a Roma e il form per iscriversi ai workshop.

COMUNICATO STAMPA GREENPEACE ROMA