A Pasqua? Molti italiani preferiscono la natura in agriturismo

È stato un marzo freddo, che difficilmente dimenticheremo. Così molti italiani puntano ad uscire di casa per Pasqua e a dirigersi verso gli agriturismi: le strutture rurali sono pronte ad ospitare più di 320 mila clienti. La stima è di Turismo Verde l’associazione della Cia-Agricoltori Italiani per l’Agriturismo.

C’era molta preoccupazione -spiega Turismo Verde- per il basso numero di prenotazioni registrato fino ai primi di marzo, negli ultimi giorni però è partita la corsa a bloccare le camere, praticamente esaurite quelle da tre letti in suCresce la richiesta dell’ospitalità per nuclei con animali domestici al seguito, cani e gatti.

La nuova dinamica last minute -stimano Turismo Verde e Cia- dovrebbe far segnare, a consuntivo, un 5 per cento in più di presenze, rispetto alla Pasqua e pasquetta del 2017.

 Il relax della campagna, unito ai prezzi contenuti e alle tradizioni enogastronomiche del territorio, premieranno, quindi, le strutture ricettive verdi per le feste alle porte. Soprattutto se, come sembra, il meteo segnerà sole, le buone performance delle aziende agrituristiche dovrebbe trainare l’incremento anche del ramo ristorazione: gli ospiti attesi in campagna, sono per la maggior parte buongustai. Così Turismo Verdel’associazione agrituristica della Cia-Agricoltori Italiani, annunciando che tra domenica 1 e lunedì 2 aprile saranno tantissimi gli italiani che si recheranno a pranzo negli agriturismi o che approfitteranno delle aree attrezzate per pic-nic comprando in azienda vari prodotti tipici, tra conserve, formaggi, salumi e vino.

Sulle tavole della Pasqua

Piatti del territorio e della tradizione protagonisti delle tavole anche per chi passerà la Pasqua a casa. Saranno circa il 60 per cento degli italiani a trascorrere le feste tra le mura domestiche con parenti e amici. A trionfare pastiera, torta pasqualina, agnello, uova, formaggio e salumi per una spesa alimentare stimata intorno al miliardo di euro.

Articolo di Letizia Palmisano

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome