5 cose green da sapere su Leolandia

Quando il divertimento è amico dell’ambiente

Se vi diciamo “Leolandia” qual è la prima cosa che vi viene in mente? Probabilmente il sorriso sul volto dei bambini e il divertimento di tutta la famiglia.

Quel che forse non tutti sanno è che Leolandia è anche un parco divertimenti molto attento all’ecosostenibilità. Volete un indizio? All’interno del parco vengono utilizzate stoviglie biodegradabili e compostabili! Da questo elemento è iniziata la nostra indagine: ecco quello che abbiamo “scoperto”. Da 7 anni il parco si fa portavoce di uno stile di vita sostenibile e porta avanti un impegno concreto e quotidiano attraverso iniziative ed eventi come la Giornata della Terra e Puliamo il MiniMondo.

RIFIUTAMI CON IL ♡

Sensibilizzare le persone partendo dalla raccolta differenziata.

Gli GnamGnam sono buffi personaggi, golosi di rifiuti, che insegnano ai bambini a fare una corretta raccolta differenziata “giocando” coi colori: ad ogni colore corrisponde un rifiuto specifico. Ad esempio lo GnamGnam verde è ghiotto di stoviglie biodegradabili e compostabili oltre che di residui di cibo; quello Giallo ama mangiare le bottiglie di plastica; quello azzurro i metalli; a quello grigio, invece, piace tutto ciò che non si riesce a riciclare.

Grazie a questa idea divertente nel 2016 sono state raccolte 26 tonnellate di umido registrando, quindi, un incremento del 53% nel corso del medesimo anno rispetto a quello precedente.

UN CIELO GRANDE CO2Ì

Dal 2010 il parco utilizza solo energia prodotta da fonti rinnovabili: tutte le giostre funzionano grazie al sole (fotovoltaico) e al vento (eolico). Lo sapevate?

CARTE IN TAVOLA (e pneumatici per terra)

Il parco ha adottato una politica di riduzione della carta stampata e, quando proprio non se ne può fare a meno, si sceglie carta riciclata al 100%.

Nell’area gioco (circa 400 mq), all’interno del “Mondo di Peppa Pig”, è stata installata una pavimentazione antitrauma realizzata utilizzando 22.300 kg di gomma riciclata ottenuta da circa 2.787 Pneumatici Fuori Uso.

IL GUSTO DI SAPERE COSA MANGI

Grazie all’orto didattico la terra non è più un segreto: in un’area di 2.600 metri quadrati è possibile osservare diverse varietà di piante, colture, ortaggi, e alberi da frutta, 10 stalli a terra con ortaggi che variano a seconda delle stagioni, 5 filari con piccoli frutti, 12 piante da frutto oltre a 65 metri quadrati di piante aromatiche. E’ poi presente una grande serra per le nuove attività didattiche in cui i piccoli contadini scopriranno tutte le fasi della crescita e proveranno un primo travaso, per una gita scolastica davvero speciale!

Ora la prossima volta che andrete nel parco, pur continuando a divertirvi, sicuramente avrete anche occhiali verdi per notare che l’ecosostenibilità è tutta intorno a voi!

[Immagini gentilmente fornite da Leolandia]