Prende il via “una pila alla Volta” la gara a chi ricicla più pile e accumulatori

Si è svolta a Roma, lo scorso 7 settembre, la presentazione di “Una pila alla Volta” il più importante progetto di comunicazione sul riciclo di pile e accumulatori portatili mai realizzato in Italia.

L’obiettivo della campagna – promossa dal Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori (CDCNPA), patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, in partnership con UISP-Unione Italiana Sport per Tutti e Civicamente – è quello di sensibilizzare i giovani sulla corretta gestione di pile e accumulatori al termine della loro “vita” e quindi sulla loro corretta destinazione finale verso gli appositi centri per la raccolta differenza.

Accedendo al sito della manifestazione si potrà effettuare l’iscrizione delle squadre al progetto: ciascuno team dovrà essere composto da 6 a 10 partecipanti, nati tra il 2003 e il 2006, coordinati da un tutor maggiorenne. Le squadre iscritte – raggruppate in gironi su base territoriale (Nord-Est, Nord-Ovest, Centro, Sud e Isole maggiori) – si affronteranno, tra settembre 2017 e marzo 2018, in 5 match in materia di raccolta differenziata di pile e accumulatori portatili: si parte da un quiz per poi sfidarsi sulla realizzazione di una scultura con le pile scariche trovate in casa, per poi realizzare uno spot video o una canzone sulla raccolta differenziata sino ad una caccia al tesoro per individuare i contenitori per la raccolta differenziata di pile.

Ogni sfida verrà testimonianza da foto, video o audio caricate nell’area riservata sulla piattaforma web e, condividendo i contenuti con gli amici di Facebook, con i follower su Twitter o Instagram, i partecipanti potranno veicolare i voti del popolo del web alla propria squadra che potrà quindi scalare la classifica.

Le squadre che, al termine delle 5 prove, avranno ottenuto più punti nel loro girone di appartenenza, vinceranno buoni di diverso valore: le squadre giunte prime nel girone otterranno buoni del valore di 2.500 Euro, le seconde di 1.500 Euro mentre le terze di 1.000 Euro. Le 15  squadre che partecipano nell’ambito scuola e cultura potranno spendere i voucher ricevuti per l’acquisto di materiale didattico e 15 squadre che parteciperanno all’iniziativa nell’ambito sport e tempo potranno acquistare, con i voucher vinti, attrezzature sportive.

A maggio del 2018 si terrà a Como, città natale di Alessandro Volta, la sfida finale alla quale parteciperanno le 10 squadre che avranno ottenuto il miglior piazzamento nei gironi: i vincitori verranno premiati con due voucher aggiuntivi del valore di 2.500 Euro ciascuno, uno destinato alla vincitrice del girone dell’ambito scuola-cultura e uno per quella dell’ambito sport-tempo libero.

In Italia stiamo facendo uno sforzo enorme per raccogliere in modo differenziato le pile e gli accumulatori portatili – ha detto Giulio Rentocchini, Presidente del CDCNPA – nonostante questo la quantità avviata al riciclo non è ancora sufficiente e negli ultimi anni abbiamo registrato un leggero calo. Per questo abbiamo deciso di trasmettere un messaggio semplice: le batterie non vanno gettate con la spazzatura indifferenziata ma nel contenitore a loro dedicato. Per far passare questo messaggio abbiamo deciso di investire sulla risorsa più importante che abbiamo: le nuove generazioni Le ragazze e i ragazzi coinvolti nel contest nazionale, dovranno riunirsi in squadre perché è solo insieme che si può vincere la sfida della sostenibilità. Attraverso i canali social spiegheranno, con il loro linguaggio, caricando foto, video e audio, agli amici e alle loro famiglie come funziona la raccolta delle pile e qual è il percorso virtuoso per riciclarne le singole componenti”.

La campagna ‘Una Pila alla Volta’ è un’iniziativa importante per coinvolgere la società civile e in particolare i giovani sull’economia circolare.  Differenziare i rifiuti, recuperare e riciclare i materiali – ha affermato il presidente della VIII Commissione Ambiente della Camera Ermete Realacci intervenendo al lancio della campagna –  è strategico per la tutela dell’ambiente e anche per l’economia. Un fronte che già oggi disegna una filiera produttiva innovativa, che è un pezzo importante dell’economia del futuro e sul quale bisogna investire con più ‘visione’ e convinzione. Siamo campioni europei nell’industria del riciclo, recuperiamo 47 milioni di tonnellate di materiali risparmiando energia primaria per oltre 17 mln di tonnellate equivalenti di petrolio, e tuttavia molta strada si deve ancora fare in questa direzione. Per un’Italia più green, sostenibile e innovativa”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome